[Gfoss] Utilizzo di dati WMS offerti da enti - questioni legali

Luca Delucchi lucadeluge a gmail.com
Lun 8 Nov 2010 20:52:29 CET


Il 08 novembre 2010 19:46, Andrea Peri 2007 <aperi2007 a gmail.com> ha scritto:

> Ad esempio le OFC. Spesso sono state licenziate, ovvero la PA ha acquistato
> delle licenze.
> Le clausole poi possono cambiare sulla base di quanto la PA puo' spendere e
> quelle che effettivamente gli serviva.
> Ad esempio in certi casi le OFC potevano essere licenziate con diritto di
> ridistribuzione a tutti gli enti locali ,
> oppure (ho notizia) di licenza che non prevedevano questa opzione.
>
> Non e' infrequente, poi che le OFC contengano delle clausole che liitino la
> loro divulgazione via internet (wms per intendersi)
> oppure lo ammettono ma solo con l'apposizione di speciali discaimers,
> insomma
> non sempre i dati sono prodotti dalle PA ma a volte sono stati licenziati da
> soggetti terzi.
>

io in questa cosa vedo un problema di concetto forse, ma i bandi li
fanno le PA non le ditte, basta mettere nel bando certe clausole che
proteggano la PA e i contribuenti, perchè sono pagate con i nostri
soldi, e un tetto massimo poi sta alla ditta vedere se accettare o
meno di partecipare al bando.
In più penso che queste ditte campino prevalentemente con le PA
perciò, se a un certo punto tutte le PA richiedessero una certa
licenza, i produttori dovrebbero adeguarsi o rischierebbero di
fallire.
Forse il problema sta nel fatto che in questo non ci sia un libero
mercato vero ma un specie di oligopolio?

>
> Non sono sicuro di aver compreso il senso del tuo esempio:

si, sembra anche a me :-)
Penso che niccolò voleva dire che, le PA spesso REGALANO i loro dati a
ditte private in quasi tutti i casi estere ma il problema sarebbe lo
stesso con ditte italiane (conosco personalmente di diversi casi) che
fanno poche correzioni poi rivendono questi dati a terzi oppure alla
stessa PA.
Niccolo diceva solo che se anche la comunità OSM avesse accesso a
questi dati "grezzi" una ditta potrebbe benissimo prendere i dati di
OSM e farci le proprie correzione e partecipare al bando.
Pensate che bello tutte le aziende di GIS italiane ed estere avrebbero
potuto partecipare al bando realizzato con una cifra pattuita e
avrebbe vinto la ditta che presentava i dati migliori, sarebbe proprio
un sogno...

> Andrea.
>

ciao
Luca

PS Ad inizio anno ho preso per la prima volta in mano i dati di un
leader del settore TeleAtlas per un lavoro in campo, venduti a caro
prezzo come aggiornamento 2009 :-D Su tre province toscane ho trovato
di tutto e di più, strade mancanti costruite negli anni ottanta,
strade chiuse da anni.... risultato a fine del mio lavoro, dopo aver
caricato tutti i miei percorsi, i dati di OpenStreetMap sono
geometricamente più accurati di quelli di teleatlas (mancano alcune
informazioni alfanumeriche perchè non ero ancora munito di
registratore audio, ma se lo dovessi rifare....)


Maggiori informazioni sulla lista Gfoss