[Gfoss] ecw con geoserver/gdal: Erdas ha rimosso ecw3.3 runtime lib

Cristoforo Abbattista abbattista a planetek.it
Mar 20 Lug 2010 15:19:36 CEST



Il 20/07/2010 14.23, Andrea Peri ha scritto:
> >In realtÓ attualmente
> ><http://www.erdas.com/LinkClick.aspx?fileticket=CPAMApyT6Us%3d&tabid=83&mid=418  <http://www.erdas.com/LinkClick.aspx?fileticket=CPAMApyT6Us%3d&tabid=83&mid=418>>Ŕ
>
> >supportata la seguente feature
> >/Imagery clipping and transparency is now supported during ECW file
> >compression. With opacity channel applied,
> >any artifacts outside of the actual image are set to transparent.
>
>    
>
> Conoscevo la tecnica.
>    
penso tu possa conoscere la vecchia tecnica, che non ha nulla a che fare 
col formato di compressione (qualunque esso sia), ma era semplicemente 
un passo di elaborazione dell'immagine.
La feature descritta Ŕ proprio nuova e ovviamente non prescinde 
dall'individuazione delle zone da rendere opache, che, ripeto, non 
centra nulla col formato di compressione, la cui unica capacitÓ deve 
essere quella di gestire e rendere disponibile un canale opaco (non di 
costruirlo).
> Il problema e' che quella che defiiscono immagine e' il contorno di un poligono semplice che delinea la parte da rendere opaca.
>
> Il problema e' che delineare tale poligono non e' affatto semplice, specie perche' con gli shapefile operi con vettori, mentre alla fine
>
> il poligono deve ricondursi a celle (pixels) e quindi avere una trama a celle.
> Altrimenti non sei sicuro se un pixel sul bordo verra' reso trasparente oppure no.
> E questo lavoraccio se te lo devi fare per una immagine passi, fallo per qualche centinao di immagini e vedi che
>
> forse finisci per preferire un formato ove il colore di sfondo (bianco solitamente) viene conservato tale e quale.
> Al che basta dire al sistema di rendere il bianco a trasparente e il gioco e' fatto.
>    
Penso che faccia proprio cosý. Infatti genera un canale opaco a partire 
da un TIFF lossless.
>    
>
> >     * ECW Ŕ stato sviluppato specificamente per i dati EO e per quelle
>
> Secondo me l'unico tipo di immagini su cui l' ecw funziona veramente bene sono le OFC a colori e a livelli di grigio.
>
> E funziona solo perche' le OFC non sono rifilate, ma hanno sempre una parziale sovrapposizione.
>
> Dove non funziona proprio e' quando le immagini provengono da singole immagini prodotte e georeferenziate singolarmente.
>
> A meno di compiere un enorme lavoro di rifilatura tramite quei poligoni di delimitazione.
>    
Non si capisce come un algoritmo di compressione (quale esso sia) possa 
risolvere dei problemi collegati alla posizione spaziale dell'immagine o 
al bilanciamento dei diversi colori. Se non va bene ECW dubito che gli 
altri vadano bene.
> >       applicazioni dove Ŕ pi¨ importante l'impatto visivo del digital
> >       number.
>
> Non e' un discorso di tipo di uso (impatto visivo), ma di tipo di dati:
>
> infatti nelle OFC funziona bene, ma se metti a video delle immagini con bordatura , non e' che sia di grande impatto visivo
> vedere delle reticolature grigiastre che interferiscono qua' e la' nella mosaicatura delle immagini.
>    
ripeto quanto detto sopra. Non penso che un altro formato possa 
migliorare le cose
>
> >     * JPEG2000 Ŕ general purpose e non pu˛ non avere la compressione
> >       lossless.
>    
> Non e' un problema di destinazione d'uso, ma di approccio.
>
> Formati come il jpeg2000 adottano degli algoritmi di compressione che 
> possono essere indifferentemente lossy o lossless.
>
> Nel caso di altri formati piu' antichi, come il tiff la scelta era fisica.
> Ovvero se sceglievi TIF con packbit avrai una compressione senza perdita
> se scegli tiff con jpeg avrai compressione con perdita.
> poi pero' ti ritrovavi a dei tiff che magari il tuo software GIS non 
> leggeva perche' magari conosceva il TIFF ma solo con la compressione 
> packbit e non quello con la compressione jpeg (o la lzw).
>
> Nel caso dell' ecw e' semplicemente che lui adotta degli algoritmi che 
> non ammettono la lossless ma solo la lossy.
PerchŔ l'obiettivo non era l'algoritmica, ma lo scopo ingegneristico 
dell'inventore.
> Poi si puo' anche dire che e' una lossy fatta molto bene, ma questo e' 
> un altro discorso.
>
> Secondo me dire che se ha la capacita' lossless vuol dire che e' un 
> formato general-purpose e' riduttivo.
Certo.
> Io lo vedo invece come u segno di un algoritmo piu' versatile.
>
> Comunque la prova migliore e' apettare e vedere se tra un po' di tempo 
> erdas non esce con una nuova versione di ecw in gado di fare
> il lossless.
Non credo lo voglia fare, proprio perchŔ esiste giÓ il JPEG2000. A meno 
che non scoprano cose per cui ne valga la pena.

Ciao
     Cristoforo

PS: Ŕ bello disquisire con chi queste cose le capisce, per˛ se siamo 
noiosi bannateci! :'(
>
>
> -- 
> -----------------
> Andrea Peri
> . . . . . . . . .
> qwerty ÓŔý˛¨
> -----------------
>
>
> _______________________________________________
> Iscriviti all'associazione GFOSS.it: http://www.gfoss.it/drupal/iscrizione
> Gfoss a faunalia.it
> http://lists.faunalia.it/cgi-bin/mailman/listinfo/gfoss
> Questa e' una lista di discussione pubblica aperta a tutti.
> I messaggi di questa lista non rispecchiano necessariamente
> le posizioni dell'Associazione GFOSS.it.
> 460 iscritti al 15.7.2010

-------------- parte successiva --------------
Un allegato HTML Ŕ stato rimosso...
URL: <http://lists.faunalia.it/pipermail/gfoss/attachments/20100720/a9a20d70/attachment.htm>


Maggiori informazioni sulla lista Gfoss