[Gfoss] softwares taumaturgici, ex Festa della geografia

Andrea Peri peri.rtoscana a gmail.com
Lun 17 Nov 2008 20:35:49 CET


>Un aneddoto: un convinto sostenitore di un noto GIS proprietario alla
>fine di una chiaccheirata ha detto che lui qgis lo usava piu' che altro
>per aprire gli shp che causavano segfault nel suo GIS. Risalvandoli da
>qgis riusciva poi a lavorarci nuovamente.

Forse sarebbe piu' utile che questo "convinto sostenitore del software
commerciale", cercasse di capire perche'
con un software si ottiene un "segfault" e con l'altro no.
Anziche assegnare a un determinato software delle capacita' taumaturgiche.

Provo a ipotizzare uno scenario:

supponiamo che il software A quando incontra un elemento geometrico
malcostruito generi errore e si fermi.
Supponiamo poi che vi sia un secondo software GIS che chiameremo B,
che nella medesima situazione non generi errore,
ma semplicemente si limita a ignorare il record saltandolo. E questo
lo faccia in silenzio senza dire nulla al tecnico fiducioso.

Il risultato e' che il primo sembra non funzionare, il secondo sembra
funzionare.

Quando poi l'utente usando il software B risalva lo shapefile, il
risultato e' che si trova davanti uno shapefile con un record in meno,
quello con
l'elemento errato.
Quello che appare e' che ora lo shapefile "magicamente" si riapre
anche con il software A.

Ma se il tecnico si pone la domanda del perche' uno si l'altro no,
indaga e puo' arrivare alla spiegazione, venendo a sapere che manca un
record e puo' quindi recuperare l'informazione persa.

Se invece si limita a credere alla buona sorte probabilmente non se ne
accorge ed'e' probabile che passerranno molti mesi prima che qualcuno
si accorga che manca quel record difettoso
(o quei records se sono piu' di uno)

ovviamente e' uno scenario ipotetico, pero' farebbe riflettere.
E' meglio il software che ti avvisa che vi e' un errore o e' meglio il
software che saltando tacitamente l'elemento errato non ti informa
del problema ?

Probabilmente e' meglio averli entrambi. Il primo perche' ti avvisa
che qualcosa e' successo e il secondo perche' ti consente di limitare
i danni.

Pero' il tecnico capace si pone domande e cerca di capire cosa e' successo.
Perche' non basta accontentarsi di riuscire a riaprirlo, occorre
sempre chiedersi perche'.

Ciao.


-- 
~~~~~~~~~~~~~~~~~
       Andrea              
         Peri                 
~~~~~~~~~~~~~~~~~


Maggiori informazioni sulla lista Gfoss